Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_parigi

Trasmigrazione di stili: Lina Bo Bardi, architetta tra due continenti

Data:

19/01/2018


Trasmigrazione di stili: Lina Bo Bardi, architetta tra due continenti

Ore 10-17:30 Colloquio

Riscoprire Lina Bo Bardi

Lina Bo Bardi, nata a Roma nel 1914 e morta a San Paolo nel 1992, è stata allo stesso tempo architetta, scenografa, museografa, disegnatrice di mobili e di moda, editrice e illustratrice. Dal 2014, questa artista eclettica è oggetto di numerose manifestazioni in tutto il mondo. Le giornate di studi “Apprendre à voir Lina / Saper vedere Lina” fanno parte dell’esposizione Lina Bo Bardi – insegnamenti condivisi, realizzata dall’ l’École nationale supérieure d’architecture de Paris-Belleville (ENSA-PB) e dal dipartimento Architettura e Progetto (DiAP) dell’Università La Sapienza di Roma, sotto il commissariato di Alessandra Criconia e Elisabeth Essaïan. Queste giornate di studi metteranno in discussione la maniera in cui il retaggio italiano, il movimento moderno e l’assimilazione della cultura brasiliana si sono intrecciati nelle sue opere, e il modo in cui le tematiche esplorate (economia della costruzione, riutilizzo dei materiali, valorizzazione dei fronti) entrano in contatto con la pratica architettonica contemporanea. Alle giornate parteciperanno numerosi specialisti francesi, italiani e brasiliani.

Ore 18:30 Tavola rotonda e proiezione

Alcuni grandi conoscitori della storia dell’architettura propongono un bilancio critico del lavoro di Lina Bo Bardi. In presenza di Margherita Guccione, architetta, direttrice del Museo di nazionale delle arti dei XXI secolo (MAXXI, Roma) e commissaria dell’esposizione “Lina Bo Bardi in Italia” (2015); Silvia Davoli, storica dell’arte, commissaria del centro Paul Mellon (Londra) e coautrice del film Oficina Bo Bardi (2006); Patrick Bouchain, architetto, scenografo e cofondatore del laboratorio di architettura “Construire”, il cui lavoro e i cui riconoscimenti fanno eco alle iniziative e alle preoccupazioni politiche e sociali di Lina Bo Bardi; e Orazio Carpenzano, architetto e direttore del dipartimento Architettura e Progetto dell’Università La Sapienza di Roma. Il dibattito sarà condotto da Alessandra Criconia ed Elisabeth Essaïan e preceduto dalla proiezione di Oficina Bo Bardi [Italia, 2006, 26 min, vostf], film documentario di Silvia Davoli, Francisca Parrino et Andrea Balossi.

Informazioni

Data: Ven 19 Gen 2018

Orario: Dalle 10:00 alle 20:30

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC

2466