Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_parigi

Storia

 

Storia

L'Istituto Italiano di Cultura ha sede in un prestigioso "hôtel particulier" della fine del '700, nel cuore del faubourg Saint-Germain, tra la rue de Varenne, la rue de Grenelle e la rue du Bac.

Costruito dall'architetto Legrand tra il 1776 ed il 1792, fu dimora di Monsieur de Talleyrand e sede del Ministero degli Affari Esteri francese dal 1794 al 1821. Le sue splendide sale hanno visto passare personaggi illustri da Napoleone a Madame de Staël, da Chateaubriand al poeta Arnault.
L'importante intervento di restauro conservativo a cui è stato sottoposto tra il 1992 ed il 1993, ha restituito l'Hôtel de Galliffet al suo antico splendore.

Acquistato dallo Stato Italiano nel 1909, l'Hôtel de Galliffet ospitò dapprima l'Ambasciata, poi il Consolato Generale d'Italia e, infine, nel 1962, l'Istituto Italiano di Cultura. Creato in applicazione dell'Accordo Culturale Franco-Italiano, l'I.I.C. emana dal Ministero degli Affari Esteri e gode di un'autonomia operativa. L'obiettivo dell'Istituto è quello di promuovere, sostenere e sviluppare i rapporti tra Francia e Italia in ambito culturale e linguistico. Maggiori informazioni sulla missione istituzionale degli Istituti Italiani di Cultura sono disponibili alla pagina internet del Ministero degli Affari Esteri dedicata alla normativa in materia:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Ministero/NormativaOnline/Principali_disposizioni/Cultura_italiana_estero.htm

Crocevia di incontri, dibattiti e manifestazioni culturali, l'Istituto Italiano di Cultura di Parigi è dotato di una biblioteca-mediateca informatizzata di oltre 40.000 volumi, di un ufficio informazioni e di una scuola di lingua italiana per stranieri.


35